Per chi gioca a:
Golf Club Bologna

Hotel Cappello Rosso

Risalente al 1375, l’Hotel Al Cappello Rosso è uno degli hotel boutique più antichi di Bologna che vanta 600 anni di ospitalità combinati con servizi moderni, per garantire un piacevole soggiorno vicino a Piazza Maggiore, la principale della città. Tutte le camere dispongono di Wi-Fi gratuita, TV LCD con canali satellitari, bollitore con una selezione di tè e caffè, minibar e aria condizionata. Alcune sono state progettate da artisti e scenografi.

Via de’ Fusari 9
40123 Bologna
Tel: +39 051 261891
Fax: +39 051 227179
www.alcappellorosso.it
info@alcappellorosso.it

Hotel Majestic già Baglioni

Situato nel centro di Bologna, in un palazzo del 18° secolo, il Grand Hotel Majestic gia’ Baglioni offre un ambiente elegante, mobili d’epoca e la connessione internet gratuita. Ubicato accanto al Palazzo Fava, il Majestic gia’ Baglioni si trova nel cuore di Bologna, a soli 250 metri da Piazza Maggiore e dalle famose 2 Torri, e a 15 minuti a piedi dalla stazione ferroviaria della città. Spaziose ed arredate con esclusivi affreschi e con mobili d’epoca, le camere del Grand Hotel Majestic sono fornite di aria condizionata, TV satellitare e ampio bagno.

Via dell’Indipendenza, 8
40121 Bologna
Tel: +39 051 225445
Fax:+39 051 234840
www.duetorrihotels.com
info.ghmajestic@duetorrihotels.com

Savoia Hotel Country House

Casa di campagna ristrutturata ubicata a 5 km dal centro di Bologna e a 350 metri dall’Autostrada A14, il Savoia Hotel offre un ristorante tradizionale e camere eleganti con il WiFi gratuito. Le sistemazioni del Savoia Hotel Country House Bologna dispongono di aria condizionata, TV al plasma con canali Sky, minibar e bagno privato con asciugacapelli e set di cortesia. La colazione viene servita ogni giorno nella grande sala da pranzo o nel giardino. Il ristorante con musica dal vivo è specializzato in piatti dell’Emilia Romagna, tra cui la pasta fatta in casa.

Via San Donato 159
40127 Bologna
Tel. + 39 051 6332366
Fax + 39 051 633236
countryhouse@savoia.eu
www.savoia.it

Bologna – Piazza Maggiore

Piazza Maggiore è la piazza principale di Bologna, misura 115 metri in lunghezza e 60 metri in larghezza, ed è circondata dai più importanti edifici della città medievale. Il più antico è il Palazzo del Podestà, che chiude la piazza a nord; risale al 1200 ed è sormontato dalla Torre dell’Arengo, che suonando la sua campana chiamava il popolo a raccolta. A questo fu aggiunto in breve il Palazzo Re Enzo, sotto al quale si apre la volta a crociera di un quadrivio pedonale.

Bologna – Le Torri

Le torri di Bologna, strutture con funzione sia militare sia gentilizia di origine medievale, sono uno dei tratti più caratteristici della città. Tra il XII e il XIII secolo il numero delle torri innalzate nella città era molto grande: nel tempo di massima fioritura se ne contavano fino a 100, oggi ne sono sopravvissute 22, le due torri più famose sono la Torre degli Asinelli e quella della Garisenda.
Le ragioni per cui vennero innalzate tante torri non sono ancora chiare, ma si pensa che le famiglie più ricche, nel periodo di lotta per le investiture filo-imperiali e filo-papali, le utilizzassero come strumento di offesa e/o di difesa e come simbolo di potere. Una destinazione prevalentemente abitativa (ma allo stesso tempo difensiva) ebbero invece le cosiddette case-torri, di altezza mediamente più ridotta, dotate di più aperture, di una pianta spesso rettangolare e di mura meno spesse. Oltre alle torri e alle case-torri, sono ancora visibili alcuni “torresotti”, fortificazioni innalzate in corrispondenza delle porte della seconda cerchia di mura del XII secolo (mura dei Torresotti o del Mille), che fu quasi completamente abbattuta. Nel corso del XIII secolo molte torri furono mozzate o demolite, altre crollarono. In epoche successive furono utilizzate in diversi modi: carceri, torri civiche, negozi, abitazioni. Le ultime demolizioni avvennero nel XX secolo insieme alla cerchia di mura del XIV secolo, secondo un ambizioso e – con gli occhi di oggi – sciagurato piano di ristrutturazione urbanistica (le torri Artenisi e Riccadonna, che sorgevano nel “Mercato di mezzo” nei pressi dell’Asinelli e della Garisenda, furono abbattute nel 1919, in precedenza (1918) era stata abbattuta la Conforti).

Bologna – Basilica di S. Petronio

La basilica di San Petronio è la chiesa principale di Bologna: domina l’antistante piazza Maggiore e, nonostante sia ampiamente incompiuta, è la sesta chiesa più grande d’Europa, dopo San Pietro in Vaticano, Saint Paul a Londra, la cattedrale di Siviglia, il Duomo di Milano e il Duomo di Firenze. Le sue imponenti dimensioni (132 metri di lunghezza e 60 di larghezza, con un’altezza della volta di 44,27 metri, mentre sulla facciata tocca i 51 metri) ne fanno la quarta chiesa più grande d’Italia (la terza, se si esclude San Pietro, che dal 1929 fa parte del territorio dello Stato della Città del Vaticano). Con il suo volume di 258.000 m³, la basilica è la chiesa gotica costruita di mattoni più grande del mondo. Ha il titolo di basilica minore. Non è comunque la chiesa episcopale di Bologna, titolo che spetta alla vicina Cattedrale Metropolitana di San Pietro.